«Sono motivata e voglio fare la differenza»

12 giugno 2019 agvs-upsa.ch – In occasione dell’Assemblea dei delegati, Barbara Germann è stata eletta nuovo membro del Comitato centrale. Questo rappresenta un passo importante per l’UPSA: da un lato, è soltanto la seconda donna mai entrata a far parte dell’organismo, dopo un lungo periodo senza una presenza femminile, dall’altro la regione di Berna è nuovamente rappresentata.
 

abi. Con Barbara Germann, nota a molti per la sua attuale attività all’interno della segreteria della sezione UPSA dell’Oberland bernese, il Comitato centrale ha acquisito una valida esperta del settore. La 56enne ha gestito il garage di famiglia per dodici anni, ha lavorato per gli importatori di Alfa Romeo e Fiat, ha rivestito un ruolo importante nell’ambito delle pubbliche relazioni dell’UPSA ed è inoltre membro del Comitato della sezione di Berna. Oltre al tedesco, parla francese, italiano, inglese e olandese ed è considerata molto abile dal punto di vista comunicativo.

Un enorme bagaglio di esperienze
Nonostante questo enorme bagaglio di esperienze, la Germann ha riflettuto a fondo prima di accettare. «Sebbene la richiesta del Comitato mi abbia fatto molto piacere, ho ritenuto giusto riflettere a fondo prima di prendere questa decisione e mi sono presa quindi il tempo necessario», confessa il nuovo membro del Comitato, ridendo. 

«Grazie ai diversi mandati che ho già esercitato all’interno dell’UPSA, mi sento pronta per il prossimo passo». La Germann conosce i processi e l’organizzazione, possiede molti contatti ed è imparziale. «Ecco perché sono lieta di avere l’opportunità di fornire un contributo prezioso e di fare la differenza». 

I suoi obiettivi sono chiari: «Desidero impegnarmi di nuovo, presentare una nuova prospettiva e partecipare attivamente». Per lei è importante riconoscere le esigenze dei membri dell’UPSA, difendere le basi e procedere con idee positive. «Una buona comunicazione e la vicinanza all’industria sono le mie priorità». 

Figli nel bel mezzo della scelta di carriera
L’appassionata giocatrice di tennis e sciatrice non sa ancora in quale ambito del CC sarà operativa. «Sono entusiasta di scoprire quale compito mi attende e non vedo l’ora di affrontare questa nuova sfida». Grazie alla sua esperienza, potrebbe occuparsi dei settori più disparati. Come madre di due figli, ad esempio, segue la formazione professionale non solo durante il suo lavoro presso il centro di formazione: anche i suoi figli si trovano attualmente nel bel mezzo del processo di scelta della carriera. «I miei figli mi forniscono di continuo informazioni importanti sugli eventi attuali e sulle tendenze delle giovani generazioni», dichiara. «A volte rimango davvero stupita e sono costretta a riconsiderare il mio punto di vista». La Germann sarebbe anche tentata dalla politica, che segue con impegno. «E sarebbe anche fantastico se potessi impiegare le mie conoscenze linguistiche», aggiunge.

A prescindere dal settore in cui alla fine sarà operativa, una cosa è chiara: il Comitato centrale dell’UPSA ha guadagnato un nuovo membro motivato e competente.

Barbara Germann
Barbara Germann è cresciuta, per così dire, in un’autofficina: i nonni e i genitori gestivano il garage Gander a Heimberg. Dal 1995 al 2007 ha gestito lei stessa la concessionaria Alfa Romeo, fino a quando l’azienda è stata infine affittata. Ha iniziato la sua carriera lavorativa con un apprendistato commerciale e, in seguito, ha lavorato per diversi anni a Ginevra e nel Canton Ticino per diverse aziende, tra cui Alfa Romeo e Fiat. Dal 2007 dirige la segreteria della sezione UPSA dell’Oberland bernese. «Non rinuncerò a questa attività», sottolinea. Barbara Germann vive a Steffisburg, è sposata e madre di due figli.
Gisela Rohrbach, prima donna nel Comitato centrale
Prima di Barbara Germann, una sola donna aveva fatto parte del Comitato centrale: Gisela Rohrbach (dal 1998 al 2000). Si è occupata dei settori e dei compiti più disparati ed è stata, tra l’altro, vice presidente della Commissione assicurativa della Cassa pensione dell’artigianato dell’auto e delle due-ruote, oltre che del Comitato assicurativo. Allo stesso tempo, ha fatto parte del Consiglio di fondazione della Fondazione generale. Dal 1995 al 1998 è stata inoltre presidente della sottosezione di Berna e dintorni e ha lavorato per due anni come presidente della sezione di Berna e del Giura.

 

Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Commenti