Bosch si impegna a fondo per l’idrogeno

Il futuro dei veicoli commerciali

Bosch si impegna a fondo per l’idrogeno

16 novembre 2023, agvs-upsa.ch – I veicoli commerciali pesanti per il trasporto a lunga distanza difficilmente funzioneranno solo con le batterie e quindi si muoveranno anche in direzione dell’idrogeno. Lo dicono gli esperti e lo dice Bosch: il più grande fornitore automobilistico del mondo crede nelle celle a combustibile e ha già avviato la produzione in serie. Timothy Pfannkuchen


Nel futuro dell'idrogeno: in ottobre, Nikola negli Stati Uniti ha iniziato a produrre trattori per impieghi gravosi (sopra) con motori a celle a combustibile. Questi sono sviluppati e prodotti da Bosch (sotto). Foto: Bosch/Nikola Motors

Per decenni i veicoli commerciali hanno dovuto essere soprattutto una cosa: robusti. Ma come il mondo delle auto, anche quello dei camion sta cambiando rapidamente: l’industria dei trasporti deve diventare pulita e sostenibile. In mezzo a tutto questo, uno degli attori più importanti: Robert Bosch GmbH, fondata nell’anno in cui è nata l’automobile (1886), il più grande fornitore automobilistico del mondo e uno dei grandi sviluppatori di tecnologie per veicoli. Bosch è ora pienamente impegnata nel settore degli autocarri con l’idrogeno (H2) e prevede che entro il 2030 un veicolo commerciale nuovo su cinque, di peso superiore alle sei tonnellate, sarà dotato di una cella a combustibile. Il volume di investimenti in questa tecnologia dal 2021 al 2026 è di quasi 2,5 miliardi di euro. 

I progressi sono inequivocabili: I primi camion con celle a combustibile Bosch erano già in circolazione nel 2021. La trazione elettrica a celle a combustibile presenta un vantaggio decisivo rispetto alla trazione elettrica a batteria: lunga autonomia, rifornimento rapido, perfetto per il trasporto su lunghe distanze (per maggiori informazioni sulle celle a combustibile, vedere il riquadro blu qui sotto). 



Sistema modulare compatto e robusto
Il cuore della tecnologia a celle a combustibile di Bosch è il modulo di potenza a celle a combustibile scalabile. Questa unità compatta comprende lo stack di celle a combustibile e tutti i sottosistemi, progettati per garantire la massima robustezza oltre a prestazioni ottimali. E flessibilità: il sistema può essere utilizzato in molti segmenti di veicoli commerciali e offre un’ampia gamma di moduli, componenti e sistemi integrati. Bosch collabora in tutto il mondo. Un esempio è la collaborazione con Nikola, il concorrente di Tesla, negli Stati Uniti: gli autocarri a lungo raggio della start-up, che usciranno in autunno, sono equipaggiati con moduli di alimentazione a celle a combustibile di Bosch. Parallelamente alla Germania, è in corso la creazione di uno stabilimento di produzione in Cina ed è previsto anche un impianto negli Stati Uniti. Bosch si posiziona così all’avanguardia nel settore dell’idrogeno e dà l’esempio all’industria, che deve cercare soluzioni ecologiche ma economiche, anche a causa della legislazione.


Tutto da un unico fornitore: Bosch offre quasi tutto, dalle nuove batterie di avviamento alle trombe. Foto: Bosch

L’innovazione incontra la tradizione
Ma Bosch non sarebbe Bosch se dimenticasse il presente per il futuro. Tre esempi attuali: Poiché gli autocarri di oggi hanno bisogno di un’alimentazione continua di energia, Bosch ha sviluppato nuove batterie di avviamento più potenti. Con le tecnologie AGM ed EFB, secondo Bosch, sono ancora più resistenti alle vibrazioni, possono sopportare più cicli di carica e sono più resistenti alla scarica profonda. Per quanto riguarda i sistemi di sterzo, Bosch offre assistenza e diagnostica, manuali di assistenza e ricambi rapidamente disponibili con qualità di primo equipaggiamento. Per quanto riguarda la climatizzazione dei veicoli commerciali, l’unità di servizio ACS 810 è un esempio di come gli strumenti quotidiani del mestiere possano essere tecnologicamente avanzati pur rimanendo di facile utilizzo: L’innovazione incontra la tradizione.
 
La cella a combustibile: un’invenzione di Basilea
L’idrogeno come vettore energetico può anche essere bruciato nel motore come la benzina o il diesel. Ma lo sforzo è elevato perché l’idrogeno volatile, che difficilmente lubrifica, richiede una tenuta perfetta e materiali costosi. Per questo motivo, vista l’era dei motori elettrici e la maggiore efficienza, l’industria sta scommettendo sulla cella a combustibile alimentata a idrogeno, il cui principio è stato inventato da Christian Friedrich Schönbein a Basilea nel 1838. Una cella a combustibile è un veicolo elettrico, ma con una cella a combustibile al posto della batteria come fornitore di energia. Nella cella a combustibile, un combustibile (di solito l’idrogeno) e un ossidante (di solito l’ossigeno dell’aria) reagiscono chimicamente in centinaia di pile, ciascuna composta da due elettrodi e una membrana interposta, generando così elettricità. Lo svantaggio della «combustione a freddo»: a causa delle «deviazioni» attraverso l’H2, l’efficienza è peggiore di quella degli e-drive con batterie. Non ci sono ancora stazioni di rifornimento (la Svizzera ne ha attualmente 15) e non c’è idrogeno «verde» su larga scala. Ma i vantaggi sono notevoli: Rifornimento come con la benzina, lunga autonomia, altamente ecologico con l’H2 «verde» – e solo vapore acqueo come «gas di scarico».
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

7 + 11 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti