La Svizzera è il modello dell'UE per il riciclaggio

La ricerca Empa come base

La Svizzera è il modello dell'UE per il riciclaggio

26 luglio 2023 agvs-upsa.ch – La Svizzera lo fa da tempo, l'UE sta seguendo il suo esempio. Grazie alle nuove misure proposte dall'UE sulla base della ricerca e dei modelli svizzeri, i materiali preziosi presenti nei veicoli fuori uso potrebbero essere riciclati su larga scala.

artikel_schrott.jpgFoto: Istock

pd/jas. I veicoli nuovi sono responsabili di circa il 10% della domanda di plastica dell'UE. Inoltre, il settore automobilistico è il principale consumatore di materie prime come alluminio, magnesio, metalli di platino o terre rare. Ora l'UE vuole rafforzare l'economia circolare nel settore automobilistico in modo da riciclare di più. La nuova serie di norme proposte la scorsa settimana dalla Commissione europea per la direttiva sui veicoli fuori uso si basa in gran parte sulla ricerca dell'Empa e prende a modello il sistema svizzero di riciclaggio delle auto.
 
«Tutti in Europa dovrebbero essere in grado di andare da A a B nel modo più sostenibile possibile. Nei prossimi anni, un numero sempre maggiore di veicoli a emissioni zero arriverà sul mercato, aumentando la domanda di preziose materie prime», afferma Frans Timmermans, vicepresidente esecutivo della Commissione europea. «La nostra proposta garantirà che i componenti dei veicoli abbiano una seconda vita e ridurrà in modo significativo l'impronta ambientale del nostro trasporto su strada».

artikel_timmermans.jpgFrans Timmermans, Vicepresidente esecutivo della Commissione UE. Foto: UE

Attualmente meno del 20% di riciclaggio
Ogni anno, in Europa, più di sei milioni di veicoli finiscono sul lastrico. La gestione impropria comporta una perdita di valore e l'inquinamento ambientale. È necessario migliorare questo aspetto, perché attualmente nell'UE viene riciclato meno del 20% delle frazioni di plastica recuperate dai veicoli a fine vita; le materie prime critiche, come gli elementi delle terre rare nei motori elettrici o il palladio nell'elettronica, di solito non vengono recuperate affatto. La sfida consiste nell'aumentare il recupero delle materie prime critiche e di altri materiali prima che i veicoli a fine vita vengano rottamati, come avviene attualmente.

artikel_flins.jpgIl produttore francese Renault sta già cercando di implementare l'approccio dell'economia circolare nel settore automobilistico presso la sua «Re-Factory» di Flins (F). Foto: Renault

Da diversi anni, i ricercatori del Dipartimento Tecnologia e Società dell'Empa di San Gallo, guidati da Patrick Wäger, sostengono l'Ufficio Federale per l'Ambiente nel miglioramento del riciclaggio delle automobili e dell'elettronica attraverso progetti «Science for Policy». Un progetto recentemente completato, ad esempio, ha studiato come rimuovere i dispositivi elettronici incorporati dai veicoli a fine vita e riciclarli separatamente, tenendo conto degli aspetti tecnici, ecologici ed economici. Sulla base del loro know-how e della loro esperienza, i ricercatori dell'Empa sono stati incaricati dalla Commissione europea, insieme ad altri esperti, di formulare raccomandazioni su come migliorare la riciclabilità nel settore automobilistico.
 
Secondo i nuovi regolamenti, i veicoli elettrici dovranno essere progettati in modo tale da poter rimuovere il motore elettrico per ripararlo o riutilizzarlo. I produttori devono informare i riciclatori delle materie prime critiche utilizzate ed etichettare alcuni componenti che contengono tali materiali. Il motore elettrico deve essere rimosso prima della rottamazione e alcuni componenti elettronici (come i sistemi di infotainment) devono essere rimossi prima della rottamazione del veicolo.
 

Per inciso, questo è ciò che un garagista AGVS deve sapere sulla gestione dei veicoli fuori uso e sul riciclaggio delle auto in questo Paese:

Come i veicoli fuori uso si differenziano dai veicoli di seconda mano
La corretta gestione dei veicoli fuori uso e in particolare la distinzione tra veicoli usati e veicoli da rottamare non è sempre facile per i garagisti. L'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha elaborato delle linee guida su come farlo.
Questi sono i criteri in base ai quali un garagista può decidere se un'auto è un veicolo fuori uso anziché un veicolo di seconda mano:
- Veicoli bruciati.
- Veicoli il cui vano motore e l'abitacolo sono stati in gran parte allagati (ad esempio con acqua, fango, ecc.).
- Veicoli destinati alla demolizione o all'estrazione di parti di ricambio.
- Veicoli gravemente deformati con più di 55 punti di danno. Per consultare lo schema dei punti di danno necessario a questo scopo, fare clic qui.
 artikel-flins.jpgCon la «Re-Factory», Renault riunisce a Flins quattro centri di attività incentrati sull'intero ciclo di vita di un veicolo e sugli elementi fondamentali dell'economia circolare: subfornitura, eco-design, funzionalità economica, manutenzione, riutilizzo, rifabbricazione e riciclaggio. Foto: Renault
 
Ecco come è organizzato il riciclaggio in Svizzera
- Se si tratta di un veicolo fuori uso, il proprietario di un'autofficina può consegnarlo solo a un'azienda di smaltimento che ha la licenza per accettare veicoli fuori uso. Oggi in Svizzera il 97% dei veicoli fuori uso viene riciclato.
- I veicoli fuori uso considerati rifiuti soggetti a controllo possono essere esportati solo con un'autorizzazione dell'Ufficio federale dell'ambiente. Nella procedura di rilascio dell'autorizzazione all'esportazione, l'UFAM verifica se le aziende che ricevono i rifiuti rispettano le norme ambientali svizzere.
- Solo i veicoli che non sono considerati a fine vita possono essere esportati come merci senza autorizzazione. Le esportazioni possono essere autorizzate solo verso gli Stati membri dell'UE e dell'OCSE. Quando si esportano auto usate, è necessario portare con sé il documento di immatricolazione (cancellato).
Come immagazzinare correttamente i veicoli fuori uso
Markus Peter, responsabile del settore Tecnologia e Ambiente dell'AGVS, riassume ciò che i proprietari di autofficine devono sapere sul corretto stoccaggio dei veicoli fuori uso nei locali dell'autofficina. Soprattutto nel caso di veicoli fuori uso con perdite per gocciolamento, ci sono cose importanti da considerare per quanto riguarda la protezione dall'acqua. «Per un corretto drenaggio, è essenziale distinguere tra i veicoli sicuri da utilizzare e quelli che non lo sono. I veicoli sono considerati sicuri se soddisfano i requisiti di legge per i veicoli stradali, se sono stati controllati dalle autorità preposte al rilascio delle licenze di circolazione o dalle autorità preposte al controllo dei veicoli a motore entro i termini di legge e se non presentano perdite di liquido. Nel caso di veicoli sicuri dal punto di vista operativo, l'area di parcheggio dovrebbe essere idealmente dotata di un sistema di infiltrazione con passaggio a terra. È accettabile anche lo scarico attraverso un collettore di fanghi nel sistema di acque piovane o di fognatura combinata. I requisiti per gli spazi di parcheggio sono più elevati per i veicoli non sicuri da utilizzare. È preferibile che tali veicoli siano stoccati in un'area coperta, pavimentata e priva di drenaggi. Le aree non pavimentate non sono consentite per il deposito di veicoli non sicuri o di parti di veicoli da smaltire. Se l'area pavimentata è dotata di scarico, le acque reflue devono essere scaricate tramite un sifone per fanghi e un separatore di oli minerali nella rete fognaria delle acque reflue fino all'impianto di trattamento delle acque reflue della città. Per ulteriori informazioni, consultare l'opuscolo sulla protezione ambientale nell'industria automobilistica e dei trasporti pubblicato dall'Associazione svizzera per il controllo dell'inquinamento idrico (VSA). È disponibile gratuitamente per il download sul sito web della VSA».
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

5 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti