Un’opportunità per i garagisti

Roadmap sulla mobilità elettrica

Un’opportunità per i garagisti

23 maggio 2022 agvs-upsa.ch – Nel quadro della roadmap per la mobilità elettrica, gli obiettivi politici prevedono 20’000 stazioni di ricarica accessibili al pubblico e il 50% di veicoli plug-in per le nuove immatricolazioni. Alla televisione della Svizzera romanda Nicolas Leuba, membro del Comitato centrale dell’UPSA, afferma che i garagisti stanno percorrendo insieme la strada scelta: svolgere il ruolo di fornitori di servizi di mobilità.


La discussione segue dal minuto 33. Fonte: RTS

mig. In vista del prolungamento della «Roadmap per la mobilità elettrica», la trasmissione televisiva della Svizzera romanda «Forum» ha chiesto: «Abbiamo i mezzi per raggiungere i nostri obiettivi?» Alla tavola rotonda è stato invitato anche Nicolas Leuba, membro del Comitato centrale UPSA. Leuba ha sottolineato che il garagista assiste le autorità e i suoi clienti come fornitore di servizi di mobilità e fornisce consulenza sul traffico motorizzato individuale e sulle forme di mobilità e propulsione. Ha inoltre affermato che il garagista, in quanto persona di fiducia, ha un ruolo importante nell’acquisto di un’auto elettrica. 
 
La roadmap è stata prolungata di altri quattro anni e integrata con nuovi obiettivi e misure: 50% di veicoli plug-in per le immatricolazioni, 20’000 stazioni di ricarica accessibili al pubblico e ricarica a misura d’utente e al servizio della rete a domicilio, presso la sede di lavoro e in viaggio. «Uno dei problemi principali di oggi è sapere dove è possibile ricaricare il veicolo. Un viaggio con l’auto elettrica deve essere pianificato» ha spiegato Nicolas Leuba su RTS. Il presidente della sezione UPSA di Vaud ha anche affermato che le esigenze dei proprietari di veicoli in campagna, in montagna e in città non possono essere equiparate. Il tipo di veicolo preferito in città, ad esempio una Fiat 500, non presenta  le stesse esigenze in campagna.
 
Nel corso del dibattito durato circa 20 minuti, anche il fisico Yves Loerincik e l’ingegnere Marc Muller hanno parlato dei timori legati all’autonomia e alla capacità delle batterie. Yves Loerincik ha ricordato che l’auto elettrica è solo un piccolo importante tassello per ottenere la riduzione di CO2 prevista dall’Accordo di Parigi sulla protezione del clima. Ritiene anche che i veicoli ibridi plug-in rappresentino una tappa intermedia consigliabile per dissipare il timore dell’autonomia e aumentare la fiducia nella tecnologia. Muller ha controbattuto questa argomentazione in qualità di coautore del noto studio della sua azienda Impact Living,non ritenendo che i veicoli ibridi plug-in presentino vantaggi rispetto alle auto con motore a combustione. Fra l’altro anche perché alcuni proprietari ricaricano la batteria troppo spesso. Muller ha fatto pubblicità per i veicoli interamente elettrici: «Oggi problemi come autonomia o riciclaggio delle batterie sono già risolti».
 
Nel frattempo Nicolas Leuba ha spiegato ai telespettatori che anche nei prossimi 30 anni sulle strade circoleranno ancora motori a combustione. Il loro numero verrà ridotto progressivamente, poiché attualmente ci troviamo in una fase di transizione. «Per noi garagisti è un’opportunità e saremo lieti di contribuire a questa svolta energetica» precisa.
 
L’UPSA sostiene la roadmap con tre misure:
modulo di formazione «Lavori su componenti di veicoli sotto tensione»
direttive chiare per i lavori sui veicoli elettrici e ibridi
aumento delle competenze di vendita e consulenza per veicoli elettrici e infrastruttura di ricarica
 
Tutte le informazioni sulla «Roadmap per la mobilità elettrica» sono disponibili qui.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

12 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti